martedì 22 dicembre 2009

Pizza di scarola

La pizza di scarola è un piatto tipico della cucina napoletana.
Viene preparata tradizionalmente la vigilia di Natale, per essere consumata in occasione del pranzo, quando ci si accontenta generalmente di uno spuntino leggero per lasciare spazio alla grande abbuffata della sera, il vero cuore della festa, molto più importante che il vero e proprio pranzo di Natale.

Pizza di scarola

Si tratta di una pizza imbottita, preparata con pasta di pane e guarnita con scarola, olive nere, uvetta, pinoli, capperi, acciughe, pecorino stagionato… e con una piccola fetta di pizz ‘ca scarola, stai a posto fino a sera.


Pizza imbottita con scarola

Per la pasta:

1 cucchiaio strutto (25-30 gr)
500g di farina 0
1 cucchiaino di miele
250ml di acqua
15g di lievito
1 cucchiaino colmo di sale

Per il ripieno:
3 cespi di scarola liscia
qualche filetto di acciuga sott’olio
20 gr di pinoli
50 g di uva passa
40g di capperi
150 g di olive di Gaeta
Aglio

Procedimento
Disporre la farina a fontana e nell’incavo centrale fate sciogliere il lievito con un poco di acqua tiepida, impastandolo con poca farina ed un cucchiaino di miele (o zucchero). Lasciate riposare alcuni minuti poi prendere dai lati altra farina, aggiungere anche lo strutto e il sale, e impastate aiutandovi con l’acqua necessaria ad ottenere un impasto piuttosto consistente.

Dopo aver manipolato la massa per circa 10 minuti coprite e lasciate riposare per circa due ore.

Mondare e lavare le scarole. Prendete una pentola capiente e riempitela con un dito d’acqua, aggiungete del sale e ponete su fiamma. Aggiungere le scarole, senza sgocciolarle dall’acqua in eccesso. Coprite, lessate a verdura e poi mettetela a scolare.

In una padella con dell’olio caldo disfare le acciughe e soffriggete l’aglio, poi toglietelo quindi aggiungere la scarola. Fate insaporire a fuoco vivo finchè la verdura sia quasi completamente asciutta e controllate di sale. Poco prima di spegnere aggiungere i capperi sciacquati , i pinoli, le olive di Gaeta denocciolate e l’uvetta precedentemente ammorbidita in acqua tiepida.

Foderate una tortiera unta con 2/3 della pasta dopo averla spianata, riempire con la scarola, pepate e, se piace, cospargere con una generosa manciata di pecorino grattugiato. Ricomporre con un disco ottenuto spianando la rimanente pasta.
Bucherellare la superficie per favorire la fuoriuscita dell’umidità.

Infornate a 200° per circa 30 minuti, spostando la tortiera su fondo gli ultimi 5 minuti di cottura.


Escarole Pizza

For the pizza dough:
• 1/4 ounce package yeast
• 1 1/2 cups warm water
• 3 cups flour
• 2 tablespoons olive oil
• Coarse salt

For the escarole
• 2-3 head of escarole
• 2 tablespoons olive oil
• 3 cloves garlic
• 10 black olives, pitted and sliced
• 1 2-ounce can flat anchovies, chopped
• 1/2 cup pine nuts
• 1/2 cup raisins
• 1 tablespoon capers, rinsed and drained
• Freshly ground pepper

Preparation
Make the pizza dough. Dissolve the yeast in one cup lukewarm water and let it stand for five minutes, or until it has begun to ferment. If the mixture does not ferment, throw it away and use another package of yeast.

- If using a food processor, fit the bowl with a steel blade and put in the flour, olive oil, salt, yeast mixture and remaining water into the bowl. Process until the dough forms a ball - about 20 seconds. Place the dough on a smooth surface and knead for a couple of minutes, adding more flour if the dough is too sticky.

- If using the hand method, combine the flour and salt and place the mixture on a smooth working surface. Make a well in the center and add the yeast mixture, olive oil and remaining water. Gradually work the flour into the liquid, using a wooded spoon. When the dough is too stiff to work with the spoon, knead until it is smooth and shiny, about eight to 10 minutes. Add more flour if the dough gets too sticky.

Put the dough in a large floured mixing bowl. Cover with a damp cloth or plastic wrap and let it rise for two hours in a warm place (the back of the stove, for example) until doubled in size.

Meanwhile, make the escarole topping. Wash the leaves and simmer them in boiling water for five minutes. Drain, squeeze out the water and chop the leaves coarsely. Set aside.

Heat the olive oil in a frying pan and gently saute the garlic, olives, anchovies and pine nuts until the garlic begins to turn golden. Add the escarole and cook uncovered stirring frequently for 10 minutes over moderate heat. Stir in the raisins and capers and season with pepper. Tilt pan to remove excess water. Let it cool.

Meanwhile, preheat oven to 400 degrees F (200° C).
Punch down the dough, sprinkle it with flour. Cut off two third of dough and roll out the dough with a rolling pin directly onto the pan to covering bottom and sides . Spread escarole filling over crust in pan and if you want, sprinkle grated cheese and black ground pepper over the top. Roll out remaining dough into a round on a lightly floured board. Transfer to pan, covering filling. Press edges to seal. Bake the pizza for about 25 minutes.

26 commenti:

  1. Grande!
    La prima parola che mi è venuta in mente è stata questa. Da buon partenopeo non posso che essere contento in primis per la scelta e poi per l'ottima realizzazione.
    Complimenti davvero :)))

    RispondiElimina
  2. eccola! io l'adoro..anzi..al disgelo ecco uan verdura da comprare , al scarola..anche per la zuppad:D

    RispondiElimina
  3. Sembra buona! Devo fare due chiacchiere col mio zietto napoletano e sgridarlo per non avermi mai preparato questa pizza tradizionale! La pastiera si e la piza di scarola no? Non va bene, no no. Buona giornata ;)

    RispondiElimina
  4. l'odoro ! ti è venuta una meraviglia, bravissima

    RispondiElimina
  5. Non l'ho mai fatta e ogni volta che la vedo è una tentazione!
    Anto, ne approfitto per farti i miei più cari auguri!

    RispondiElimina
  6. Mai preparata ma direi che il risultato che hai ottenuto con questa ricetta è ottimo, ha un aspetto invitantissimo! Tanti augri Anto a te e tuo marito. Bacioni

    RispondiElimina
  7. L'ho preparata sabato per la prima volta un successone tanto che la ripeto per Natale in versione mignon!!! Io il pecorino non ce l'ho messo proverò! baci e buone feste Vale

    RispondiElimina
  8. ciao!!!! mia suocera fa spessissimo la pizza con la scarola ma non la pasta da pizza... Complimenti.. buona buona

    RispondiElimina
  9. Anto direi propio che ti è venuta divinamente e da una napoletana doc:-)...la preparerò anche io per la vigilia ma ne mangerei una fettuna adesso,subito!!!bacioni e buon natale,imma

    RispondiElimina
  10. adoro la pizza con la scarola!!!!
    Ricordo la nostra vicina di casa napoletana che ogni volta ne faceva una solo per me!!! :)

    RispondiElimina
  11. La famosa pizza di scarola...ti è venuta uno splendore! prima io poi la proverò! :)
    Ciao
    Terry

    RispondiElimina
  12. Gambetto, grazie! In realtà, tra i vari miscugli, nelle mie vene c'è pure un po' di sangue campano per cui non mi è stata proprio di difficile realizzazione. Ogni tanto baro anch'io :p

    Genny, cosa mi hai ricordato, la zuppa! Non dovevi! Ora, causa irresistible voglia, mi tocca farla :)

    Barbara, secondo me tuo zio ha barato ed ha origini del nord Italia. Com'è possibile che non abia mai fatto la pizza di scarola?

    Ale, grazie :)

    Virginia, grazie anche a te e ricambio gli auguri per un felice e sereno Natale :)

    Elisa, grazie. Auguri di vero cuore anche a te. Un grande abbraccio :)

    Valentina, il pecorino non tutti lo mettono. Secondo me arricchisce.

    Debora,non ho mica capito. Nel senso che compra la pasta per pizza già pronta?

    Imma, grazie. Auguri anche a te.

    Alem, accipicchia. Bada a non venirmi ad abitare di fronte :D

    Terry, è semplice. provaci :)

    RispondiElimina
  13. adoro le pizze ripiene m anon ho ancora provato questa ....l'aspetto ingolosisce :)

    RispondiElimina
  14. A quanto pare potremmo aprire un gruppo di bari, mentitori ahahaha :P

    RispondiElimina
  15. Evviva la pizza di scarole!!! E' strepitosa!!! Ve lo conferma una sua accanitissima mangiatrice. Vivo al nord ma sono figlia di napoletani, cresciuta quindi con tutti i tradizionali piatti partenopei. Questa pizza quando la mangi "t'arricrea" e cioè ti rianima...
    Un sapore unico e non paragonabile ad altri.
    Tra l'altro la ricetta che ho letto qui è praticamente identica a come la fa mia madre, tranne che per la variante del pecorino grattugiato, che mia madre non mette. E' da acquolina in bocca...
    Va bene a Natale ma io la mangio molto spesso durante tutto l'anno. Le scarole le ho già comprate e gli altri ingredienti li ho in casa. Pizza mia aspettami che arrivo!!!

    RispondiElimina
  16. ops, visione celestiale....e m'hai fatto ricordare che domani sera sarò ad ischia :)) auguriiiiiiii e soprattutto a presto (della serie, non perdiamo il ritmo di questi ultimi tempi). N.

    RispondiElimina
  17. Non sarebbe Natle senza questa buonissima pizza di scarole :P
    Augurissimi :*

    RispondiElimina
  18. No che già pronta!!!! se la fa lei!!! :D lo stesso impasto che si fa per la pizaa e poi la riempie di scarola ... strabuona

    RispondiElimina
  19. Dici che un giorno scoprirò che in realtà lo zio è un bergamasco travestito da napoletano? Lol!

    RispondiElimina
  20. Deve essere super: gustosa e saporita! tipica napoletana!
    un bacione e tanti auguri di Buon Natale

    RispondiElimina
  21. Una delle cose che mi piacciono di piu'!!

    RispondiElimina
  22. cerco la ricetta delle cartellate

    RispondiElimina
  23. gli stuzzichini kon ricotta e salame solo a vederli sono ottimi...provero'a farli

    RispondiElimina
  24. adesso ci provo
    èoi...ti farò sapere

    RispondiElimina
  25. Fantastica questa pizza!
    Da buona napoletana alla vigilia di Natale me ne faccio una scorpacciata, anche se la preferisco senza uva passa e pinoli.
    E' ottima anche con la pasta sfoglia, in quel caso l'uvetta ed i pinoli sono obbligatori.
    Ottimo è anche un' altra ricetta della cucina Napoletana: scarole e fagioli. Da provare!

    RispondiElimina