lunedì 15 giugno 2009

Ciambelline al vino

Un impasto croccante e friabile profumato da semi d’anice, addolcito con del buon vino e ricoperto da granelli di zucchero: sono le tradizionalissime ciambelline al vino. Si trovano tutto l’anno nei forni della mia città, più chiare se impastate con vino bianco, poco più scure se al suo posto viene utilizzato un buon rosso.

Ciambelline al vino

Desideravo farle da tempo perché quelle fatte in casa, magari da mani esperte, hanno tutt’altro sapore.
E finalmente ho trovato al ricetta giusta! E’ di Paola Lazzari , che ringrazio perché non ne ho davvero mai mangiate di più buone.
La ricetta prevede dell’ammoniaca per dolci invece del più comune lievito che invece ne compromette la croccantezza. Non preoccupatevi della puzza che infesterà la cucina, se le ciambelline saranno ben cotte evaporerà immediatamente senza lasciare traccia.
Per la cottura Paola Lazzari consiglia:
Nei forni a legna vengono benissimo e si possono fare anche in casa utilizzando il forno ventilato, vengono quasi uguali".
Questo è stato l’unico consiglio che non ho seguito perché l’abitudine ha preso il sopravvento ed ho utilizzato lo statico.

CIAMBELLINE AL VINO di Paola Lazzari
Ecco come le preparo, ricetta di un forno di Genzano”:

500g di farina
125ml di olio
125ml di vino (bianco o rosso)
200g di zucchero
un cucchiaio di semi di anice
un cucchiaio di sambuca (o altro liquore d'anice)
un cucchiaino di sale
un cucchiaino di carbonato d'ammonio
se piace, aggiungere un cucchiaio di cacao alla farina (lo consiglio vivamente)

Procedimento
Mescolare alla farina tutti gli ingredienti, tranne il vino e l'olio, fare un pozzetto al centro e versarvi il vino, il liquore d'anice e l'olio. Impastare rapidamente il tutto e lasciare riposare un'ora l'impasto. Fare quindi le ciambelle ed infornarle passandole prima nello zucchero. Forno ventilato 200°C abbassare magari a 190°C dopo i primi minuti. Devono risultare ben cotte e scure.
L'aggiunta del cacao è recente, però devo dire che ci sta molto bene (ed io lo metto).

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Alcuni semplici consigli che mi sento di darvi :
- L’impasto deve risultare morbido ma non appiccicoso. Alcuni lo paragonano alla consistenza della pasta frolla, a mio avviso deve risultare poco più morbido. Quindi, se necessario aggiungere altri liquidi.
- Una volta formate le ciambelline, capovolgetele in un piatto contenente dello zucchero semolato facendolo aderire non da entrambe la parti ma da un solo lato.
- Io ho infornato alla temperatura di 180° per circa 20 minuti, temendo che la temperatura di 190°-200°, conoscendo il mio forno, fosse troppo forte ma le ciambelline non hanno raggiunto il caratteristico colore marrone. Dovevano dorare forse poco più ad una temperatura poco maggiore…perché poi non mi sono attenuta alla ricetta?

Ora tocca a voi…

58 commenti:

  1. Non li ho mai assaggiati, ma lo farei volentieri :-p

    RispondiElimina
  2. L olio e il vino li renderanno friabili e saporiti! Perfetti per finire una cena senza diventare matti per il dolce!

    RispondiElimina
  3. io queste le adoro!! splendide!!

    RispondiElimina
  4. Tra le mie preferite...
    A fine pasto con il vino!!! MMH! Carbonato di ammonio... Ma dove lo trovo? Baci

    RispondiElimina
  5. - Night, dovresti provarle. Non sai cosa ti perdi.
    - Elga, esatto. E si conservano a lungo chiusi in una scatola di latta. Io adoro pucciarle nel vino :)
    - Sere, Mary, grazie.
    -Elisakitty, si tratta della comune ammoniaca per dolci. La trovi al supermercato, accanto al comune lievito per dolci.

    RispondiElimina
  6. Grazie e complimenti, sono bellissime le tue ciambelline. Proprio ieri le ho acquistate in un panificio in provincia di brindisi e mi son detta: "devo trovare lòa ricetta!" . Quindi immagina la sorpresa quando stamattina le ho viste sul mio blog preferito. Grazie ancora. Anna
    P.s. Mi puoi dire qual è il blog di Paola Lazzari?

    RispondiElimina
  7. Anna, grazie dei complimenti. :)
    Non credo che Paola Lazzari abbia un blog, ma cliccando sul nome evidenziato in azzurro (in questo post sulle ciambelline) puoi arrivare al suo album fotografico di Flickr.

    RispondiElimina
  8. sembrano assolutamente ottime! devono provare a farle
    Un bacione e buona settimana
    fra

    RispondiElimina
  9. Antonella queste non le conoscevo , devono essere buonissime, devo provarle assolutamente!!! un bacione

    RispondiElimina
  10. Ciao! proprio dolci queste ciambelline! noi ne abbiamo provate di simili ma con la grappa! il sapore è inaspettato! al prossima volta allora proviamo questa versione!!
    baci baci

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Queste le faccio anch'io!! sono favolose!!

    RispondiElimina
  13. che belle! quando vado a Colleferro o viene mia zia qui me ne porta sempre un sacchettone perchè mi piacciono tanto, ora posso povare a farle anche io!
    un abbraccio
    dida

    RispondiElimina
  14. Le conosco, fantastiche!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. Che buone!!! Mi piacciono tanto e mi piacerebbe da morire riprodurle in casa... ma ho tanta paura del carbonato di ammonio: sono terrorizzata all'idea che, se il composto dovesse rimanere un po' indietro nella cottura, come in genere mi capita con i biscotti, che lascio spesso più morbidi, l'odore di ammoniaca li renda immangiabili! Qualche consiglio? :-)

    RispondiElimina
  16. Grazie Antonella per la sollecita informazione. Adesso vado a farle! già ho l'acquolina! Poi ti faccio sapere. grazie e baci. Anna

    RispondiElimina
  17. Non conosco queste ciambelline ma mi ricordano un dolce spagnolo. Sono carinissime e sicuramente ottime!!

    RispondiElimina
  18. Buone! Le mangio ogni volta che capito a Napoli! Che ricordi!
    Giuro che basta guardare la foto per avere la sensazione di assaporarle... fantastiche.
    Un bacione,
    m.

    RispondiElimina
  19. Che belle e buone questa ricetta me la segno è da tanto che la cerco ora non mi resta che provarla..buona settimana Luisa

    RispondiElimina
  20. che belle che sono fanno troppa gola !! ciao !

    RispondiElimina
  21. Oh che forte, questi biscotti li fa sempre la mamma di un mio amico! Nei forni però non le ho mai viste... Hanno una consistenza particolarissima!
    (ros)marina

    RispondiElimina
  22. che belle e propio interessante questa ricetta la voglio propio provare :)

    RispondiElimina
  23. Provare per credere!!!ricetta segnata!!!
    Bravissima come sempre!!!

    RispondiElimina
  24. ma dì la verità!! tu vivevi a casa con me, da piccola, e non me ne sono mai accortaaaa!!!!!!?????
    io ne mangiavo quintali!!!!

    RispondiElimina
  25. Si' devo assolutamente provare la tua di ricetta (ben illustrata come sempre :-). Questi biscotti hanno un sapore semplice ma cosi' buono e rassicurante!

    RispondiElimina
  26. Si, sono davvero molto buone e di una croccantezza piacevole. Provatele.

    - Onde, queste ciambelline hanno proprio bisogno di una cottura più lunga quindi puoi stare tranquilla.
    Oggi, ad esempio, ho fatto dei biscotti con ammoniaca che devono proprio rimanere bianchi e non colorire troppo. Ho avvertito l'odore appena li ho sfornati ma poi raffreddandosi è completamebte sparito. Dovresti riprovare ad usarla, è indispensabile per dare croccantezza.

    RispondiElimina
  27. Pur essendo una grande mangiatrice/infornatrice di biscotti questi non li ho mai fatti, non so bene quale sia il motivo, visto che mi piacciono molto.
    mi toccherà provare la ricetta di Paola, che è una garanzia

    RispondiElimina
  28. non li conoscevo e mi incuriosiscono molto, bella ricetta!

    RispondiElimina
  29. che delizia queste ciambelline....
    sicuramente la foto ben fatta aiuta, ma a me vien voglia di addentarne una subito

    RispondiElimina
  30. Grazie cara, allora proverò, facendole cuocere più a lungo, vediamo se mi passa la paura!

    RispondiElimina
  31. Ma che bontà... io adoro tutto ciò che è croccante...mmmh!!! Me ne mangerei un quintale di queste carinissime cimbelline... le proverò!!! Un bacio. A presto!!!

    NB: Sei tra i miei preferiti ora!!! ( ^ o ^ )

    RispondiElimina
  32. hai ragione con una ricetta così ci tocca per davvero! deliziosi..

    RispondiElimina
  33. Ma che bel blog e che buone ricette. i biscottini poi li adoro :D
    A presto

    RispondiElimina
  34. Molto belle, son pure vegan! Proverò a farle anch'io... Originarie della Basilicata, quindi?

    RispondiElimina
  35. Hola Antonella, eres la reina de las masas, no sabes como me gustaria que me quedaran tan acertadas como a ti...esta receta tiene un aspecto de lo mas delicioso...besitos

    RispondiElimina
  36. le fa la zia di mio marito, è abruzzese e da loro sono un dolce tipico.

    ma quanto sono buone?!?!?!?

    RispondiElimina
  37. Ciao!!! io ho una ricetta vecchissima delle ciambellette al vino... era della nonna di mio suocero.. ricetta notevole ma non posso postarla nel mio blog perchè ho promesso che non l'avrei data a nessuno!!! mio suocero non l'ha data neanche agli amici!! sono stata prediletta ma con solenne promessa!! :))

    RispondiElimina
  38. Queste strepitose ciambelline, che ho conosciuto per la prima volta girando per i forni sui colli romani..., le preparerò per il cenone della vigilia di Natale, io le adoro!! Ho scoperto per caso questo blog qualche giorno fa e lo trovo fantastico!!!
    Auguri a tutti!!!

    RispondiElimina
  39. le ho appena lette.. e sai che ti dico? sto stampando e corro a farle prima di mettermi a studiare! :DD

    RispondiElimina
  40. hm... ma se ci mettessi un pochettino di uovo dici che non sarebbe un pochetto meglio ?

    RispondiElimina
  41. riiitiro tutto quello che ho detto nell'ultimo commento!!!
    sono perfette!!!

    RispondiElimina
  42. le ho replicate e ti ho linkato :)
    baci

    RispondiElimina
  43. Ciao! Da qualche giorno ho incominciato a gironzolare per il tuo blog e volevo innanzitutto farti i miei complimenti per le bellissime ricette e soprattutto per le foto!
    la prima ricetta che ho provato è questa delle ciambelline e devo dire che sono venute spettacolari, proprio come quelle del forno. ho avuto solo un piccolo problema coi liquidi, che erano un po' pochi rispetto alla farina+zucchero e ho dovuto aggiungerne un po' per avere un impasto lavorabile... cosa può essere successo? magari ho semplicemente sbagliato io le dosi, ma guardando le quantità degli ingredienti i liquidi (senza considerare la sambuca che poi è solo un cucchiaio quindi saranno una 20 ml al massimo) sono esattamente la metà della farina e lo zucchero quindi diciamo che lo zucchero non è "considerato" e quindi potrebbe essere normale che non mi si stava amalgamando bene...tu che ne dici?

    RispondiElimina
  44. Proverò a farle speriamo siano buone?

    RispondiElimina
  45. le faceva mia nonna uno spettacolo sia nel vino dopo un pasto o nel latte la mattina

    RispondiElimina
  46. Non sai da quanto cercavo questa ricetta e tra l'altro, non vedevo l'ora di provarle nel mio piccolo forno a legna. Son venute uno spettacolo, magari da vedere hanno l'aria molto rustica, ma il sapore è fantastico.

    Meno male che hai trovato tu la ricetta di Paola, se no a quest'ora stavo ancora a girovagare per internet...

    Grazie!
    Tlaz

    RispondiElimina
  47. Ciao Paola le ho appena sfornate sono davvero buone, grazie! L'unica cosa è che ho usato il vino rosso, e per giunta un bel primitivo corposo per impastarle, e da crude erano di un imbarazzante color DAS delle mie figlie, da cotte si è attenuato parecchio ma si intravede specialmente al centro dove sono meno cotte...ma il sapore... è super! Croccanti friabili e profumate!
    Ah, dimenticavo, siccome odio l'anice ho messo un cucchiaio di marsala, sicuramente poco tradizionale ma a me il risultato piace!

    RispondiElimina
  48. Ecco come mi sono venuti i miei inquietanti tarallini! Grazie per la ricetta!
    http://www.cookaround.com/yabbse1/showthread.php?t=195449&p=3688349&posted=1#post3688349

    RispondiElimina
  49. Rastamamma, anche io ho avuto lo stesso priblema! Avevo un po' di vino rosso avanzato e l'ho mischiato nell'impasto. Il risultato e' buono ma il colore e' indecente!

    RispondiElimina
  50. Ho salvato la ricetta! A giudicare dalle foto queste ciambelline devono essere una delizia!!!

    RispondiElimina
  51. ciao sono un'appassionata per la cucina e per le nuove ricette.non ho mai mandato nessun messaggio alle food blogger nonostante abbia attinto da internet tanti consigli e ricette.Ma ti devo ringraziare perchè questa ricetta mi riporta indietro con il tempo e riscuote sempre tanto successo.Grazie mille per la divulgazione!

    RispondiElimina
  52. questa la mia ricetta. 500gr zucchero 1/2 lt vino bianco dolce,1/4 olio evo,1 limone grattato,20 gr bicarbonato ammonico,1 vanillina, 1 kg e 1/2 farina, nocciole tostate e tritate 300 gr semi d'anice e un bicchierino liquore all'anice. le nocciole le tengo uma notte a bagno nel vino. cottura a 180° 20/25 dipende dal vostro forno.

    RispondiElimina