giovedì 27 maggio 2010

Taralli ai semi di finocchio

Li scauratieddi, così pare vengano chiamati in Lucania. Trattasi di una sorta di grosso tarallo di forma allungata, insaporito con semi di finocchio e vino bianco.
Dunque, da dove arrivano questi? La ricetta mi aveva colpito un po’ di tempo fa: ne avevo letto sul blog di Daniela che però, in realtà, era riuscita ad avere la tanto ambita ricetta - chissà con quanta velata insistenza :) - della mamma di @ SaraViniCarbone.

Taralli


Taralli lucani ai semi di finocchio

Farina di grano tenero tipo 0, 350 g
Semola di grano duro, 150 g
Sale, 1/2 cucchiaio raso
Lievito di birra, 5 g
Vino bianco secco tiepido, 200 ml
Olio extra vergine d’oliva, 125 ml
Semi di finocchio selvatico, 1 cucchiaio
Zucchero, un pizzico

Versate a fontana le farine e mescolarle al finocchio. Fate un buco nel mezzo e ponetevi lo zucchero, l'olio ed il vino tiepido in cui è stato sciolto il sale.
Si comincia a mescolare piano piano con la forchetta e poi si aggiunge il lievito sbriciolato.

Lavorate l'impasto a lungo con le mani fino ad ottenere una palla che dovrà essere morbida ed omogenea. Mettere a lievitare per 30 minuti.

Dopo il breve riposo dividete l’impasto e tiratene dei rotolini spessi un dito, tagliateli e intrecciate l’estremita dando la forma di tarallo. Disponeteli sulla placca del forno unta di olio e lasciateli riposare per ½ ora (non di più, altrimenti perdono di friabilità) ad una temperatura di 20-22°C.
Infornate in forno già caldo a 190° ventilato per circa 20 minuti, o poco più.

Se volete ottenere dei taralli uniformemente dorati e fragranti, non appena prendono colore estraete la teglia, girate i taralli e rimettete in forno (io non l'ho fatto).

I taralli devono risultare ben asciutti e croccanti. Se vi accorgete, anche in un secondo momento, che l’interno è ancora un pochettino morbido potete rimediare rimettendoli in forno, anche adagiandoli direttamente sulle griglie (senza teglia) e lasciarli alcuni minuti ancora ad asciugare.

Un’ottima variante si ottiene aromatizzando i taralli con con origano, peperoncino, o cipolla disidratata.
Per il procedimento con il lievito madre vi rimando da lei.


Taralli with Fennel seeds...are dry oven-baked products characterized by a high friability.

Ingredients: Type "0" flour, 350 g - Semola di grano duro ( Semolina flour), 150g - warm white wine, 200 ml - Olive oil, 125 ml - Fennel seeds, 1 tablespoon - a pinch of sugar - Salt, 1/2 tablespoons - fresh yeast, 5 g.

Directions: prepare a basic bread dough using the flour, yeast , wine and the other ingredient. Knead the dough with your hands until soft and uniform.
Let the dough rest for 30 minutes.
Than, divide into small balls. Work each ball using the palm of your hands, rolling it out on a flat work surface to form wide logs. Cut into the pieces, the shorter the piece, the smaller the tarallo. Shape the pieces of dough into rings and then Place each taralli on a greased baking pan and put in a warm place to rise for half an hour no more!
Bake in a preheated 190°C convection oven ( or static 200°C) for 20 minutes until the bottoms look golden brown and dry the product until an homogeneous crispy. Remove and cool on rack.

38 commenti:

  1. Che brava, hanno davvero un aspetto invitante, e chissà il profumo! I semi di finocchio non mi piacciono molto in realtà, ma con l'origano o il peperoncino saranno, per me, ancora più squisiti!
    Complimenti :)

    RispondiElimina
  2. Buonissimi!! La presentazione è veramente bella!!
    Ciao:p

    RispondiElimina
  3. - Valentina, le varianti sono tante. Non ti resta che scegliere il gusto che più ti piace :)
    - Sorby, grazie.

    RispondiElimina
  4. Foto meravigliosa e soggetto splendido, arriva il profumo fin qui, bravissima!
    Lisa

    RispondiElimina
  5. Molto particolari e caratteristici questi taralli! tutti da provare con i semi di finocchio che ci paicciono moltissimo!
    baci baci

    RispondiElimina
  6. - Ciao Lisa, grazie :)
    - Manu e Silvia, bentornate.

    RispondiElimina
  7. Pensa che giro che ha fatto questa ricetta prima di arrivare da queste parti. Mi state facendo venire una voglia di provarla. Bella la foto

    RispondiElimina
  8. buonissimi e sicuramente li farò prestissimo!

    RispondiElimina
  9. io li adoro!!!Sono venuti benissimo!!Complimenti
    Ciao Cris

    RispondiElimina
  10. Li adoro i taralli e il finocchietto...mmmm...complimenti davvero, le tue foto sono strepitose!Bacio

    RispondiElimina
  11. adoro il finocchio..sopratutto quello selvatico..io li farei piccolini cosi almeno ne mangio di meno..:D

    RispondiElimina
  12. non amo il finocchio ma il resto mi piace uin bel pò !

    RispondiElimina
  13. La foto è bellissima...ma l'encomio va a questi taralli...sento da qui il loro profumo.....

    RispondiElimina
  14. E' da un sacco che non panifico! che vergogna, ma questa ricetta mi ha fatto venire voglia di riprendere in mano il mio blobbino ;)
    Grazie!!!
    Un bacione
    fra
    PS complimenti per lo scatto, davvero un'inquadratura fantastica!

    RispondiElimina
  15. Sembrano perfetti, hanno proprio un aspetto fragrante e croccante: di solito non amo i taralli, ma, quando sono ben fatti, un assaggio non lo disdegno!

    RispondiElimina
  16. quanto li adoro, uno tira l'altro....non mi fermerei mai davvero!
    buonissimi :)

    RispondiElimina
  17. I taralli sono una di quelle preparazioni a cui davvero non so resistere. Un sacchetto finisce in pochissimo tempo. Visto che non sono mai riuscita a farli a regola d'arte, ora proverò con questa ricetta !!! Grazie. Manu

    RispondiElimina
  18. Saranno buonissimi... voglio proprio provarli magari poi ti dico che risultato ho ottenuto....

    RispondiElimina
  19. davvero strani e particolari, ma gustosi e fragranti! mi sono salvata la ricetta!

    RispondiElimina
  20. Mamma che buoni! ti son venuti stupendamente!
    li voglio provare!

    RispondiElimina
  21. ciao...mi diresti la consistenza che assumono da cotti???graziee ;)

    RispondiElimina
  22. Ciao Antonella!!! La ricetta dei taralli lucani ??? Io sono stata lo scorso week a Facefood la rete che cucina a Matera (una prima parte del resoconto l'ho pubblicato manca la seconda) e li ho assaggiati sul posto però vedi questo mancava al laboratorio serale non sarebbe stato male se ci avessro fatto vedere come si fanno ma che importa ora mi copio la tua ricetta!!! Che buoni!! Brava!!!a presto Claudia

    RispondiElimina
  23. I taralli mi piacciono in tutte le versioni. Questi ottimi!!! Da provare. . .

    RispondiElimina
  24. ispirano davvero, mi segno subito la ricetta che devono essere buonissime:) Grazie mille della ricetta!

    RispondiElimina
  25. Una delle cose più buone da sgranocchiare! grazie per la ricetta, me la copio subito. E complimenti per il blog, ricette sfiziose e belle foto.
    Ciao!

    RispondiElimina
  26. buoniiii da mangiare subitissimo

    RispondiElimina
  27. Ciao,
    sono Ylenia di Cioccolarte,volevo ricordarti che se hai la possibilità e se ti fa piacere, sabato 19 giugno ci incontriamo a casa di Chiara a Civitanova Marche per un simpatico pranzetto tra foodblogger!
    Per maggiori info fa un salto da me
    http://cioccolarte.blogspot.com/2010/05/un-giorno-non-per-caso.html

    TI ASPETTIAMO!!

    Saluti ;-)

    RispondiElimina
  28. Che brava, io vado matta per i taralli, soprattutto come aperitivo con una biretta fresca e 2 olivette... ;-P

    RispondiElimina
  29. Amo i taralli alla follia!!!!!!!!!!
    grazie

    RispondiElimina
  30. meravigliosa la ricetta e strepitosa la foto... sono rimasta incantata... e verrò a trovarti presto... un bacio

    RispondiElimina
  31. Ciao Antonella!
    Sono Maria, una giovane ragazza, pollice nero in cucina, che sta cercando di affrancarsi da questo status, imparo molto dal tuo blog e voglio ringraziarti perche' metti il tuo talento a servizio di tutti noi!
    Buona giornataa!

    RispondiElimina
  32. Ciao Anto sai che da me (più verso la costiera) gli "scauratieddi" sono in versione dolce? Sono sicura che sono buonissimi anche questi in versione salata!

    RispondiElimina
  33. come mai non sono stati bolliti per pochi minuti. I taralli prima di infornarli vanno messi in una pentola grande; nell'acqua non molta, che bolle, li si lascia stare fino che gallegiano piu o meno d'un minuto, Delicatamente metterli in una teglia con carta da forno e poi infornare.

    RispondiElimina
  34. stavo per scrivere la stessa cosa...sennò che scauratiedd sono?

    RispondiElimina
  35. anche io so che si fanno bollire e poi farli asciugare e dopo infornarli

    RispondiElimina
  36. salve, ho trovato il blog da poco e' molto interessante! io ho pubblicato un libriccino a fumetti con una ricettina spiegata da una bambina se ti interessa lo puoi avere su feltrinellion line si chiama: MAMMA OGGI CUCINO IO! tascabile a fumetti. se ti interessasse avere illustrazioni per il blog puoi scrivere a artbyheart@libero.it ciao ele.art

    RispondiElimina